Recensione: Liana Marino - Partenze | Musica Italiana Emergente

Musica Italiana Emergente

Sito d'informazione dedicato al mondo della musica italiana emergente ed indipendente

Recensione: Liana Marino – Partenze

Grazie per la tua condivisione!!!

di Salvatore Imperio

La cantautrice molisana Liana Marino, ha pubblicato “Partenze“, album per l‘Isola Tobia, il 26 Febbraio 2020.

Oggi qui parleremo di un album e di una cantautrice è entrata meritatamente nella cinquina delle Targhe Tenco come “miglior opera prima“.

Una cantautrice che non si fa notare esclusivamente per una nomination ad un riconoscimento tra i più ambiti ma che è entrata in punta di piedi nel cuore con undici storie che hanno immediatamente dimostrato la maturità artistica della cantautrice e polistrumentista oltre all’affascinante sensibilità che dimostra piena di grazia ed eleganza.

L’album è splendido nella sua semplicità e sin da “Parla con lei“, Liana Marino riesce a dimostrare che può nascere bellezza tra le note di una canzone.

È un album che non stanca mai e che, con la voce di Liana, diventa un interlocutore giornaliero e non solo un compagno di viaggio.
Ad accompagnare Liana in questo nuovo viaggio di “Partenze” c’è l’Isola Tobia, etichetta discografica di Carlo Mercadante che non è nuova nel far conoscere album di rara bellezza e che dimostra che c’è speranza nel trovare ed ascoltare vera e nuova musica italiana.
Insomma, una di quelle etichette discografiche che riesce ad essere una spanna sopra i mercanti in fiera della discografia tra major e indipendenti.

In un “sistema musica” meritocratico e basato sulla qualità anche un Festival di Sanremo che si spaccia ancora per “Festival della canzone italiana” darebbe la possibilità ad artisti, artiste, cantautori e cantautrici come Liana Marino.

 

Favola, il videoclip ufficiale.

 

“Partenze” è un album che ci riporta alla bellezza, quella rara e pura che Liana riesce a mostrarci tra dolce sensibilità e risolutezza nella voce che non viene mai utilizzata per superficiali vocalizzi che striderebbero con le storie di questo album, vestite meravigliosamente lasciando spazio al racconto tra richiami alla musica popolare e agli chansonnier.

La cantautrice molisana, che nel 2013 pubblico l’ep autoprodotto intitolato “La grazia e l’eleganza” che vedeva la partecipazione di Paolo Benvegnù, dimostra la bellezza della musica al femminile tanto cara a Michele Monina e la dolcezza della femminilità che influisce su uno stile cantautorale originale e poetico.

Insomma, questo è un album che piacerà e se non lo farà, ascoltatelo tra qualche anno e vi ritroverete a non volervene più staccare perché certe emozioni si riescono a raccogliere solo quando arriva il tempo giusto e Liana, mi auguro, vivrà sempre nel tempo giusto per regalarci canzoni e album come questi.

Sono sicuro che riuscirà a fare “il salto” ed arrivare in tutte le case in un Febbraio dei prossimi anni e se così non sarà capiremo che la musica nasce dal cuore e dalle mani di artisti che con semplicità riescono a toccare i tasti giusti nel nostro cuore.

Che quella di Liana, sia una “Partenza” che la porti lontano e nel cuore di tutti.

L’album su Spotify.

 

PARTENZE- LIANA MARINO

 

Testi e musica di Liana Marino

Arrangiamenti di Liana Marino e Paolo Rigotto

Registrato e mixato da Paolo Rigotto presso lo studio Freakone di Torino

Fotografa: Tamara Casula

Grafica e Impaginazione: Angelo Mazzeo

Carlo Giovanni Mercadante Editore

Pubblicazioni Isola Tobia Label

 

I musicisti:

Liana Marino: voce, chitarra acustica, chitarra elettrica, piano elettrico

Paolo Rigotto: voce, piano elettrico, batteria, percussioni, chitarra elettrica, synth, basso elettrico

Stefano Barbati: chitarra acustica, chitarra elettrica

Marco Di Blasio: fisarmonica, glockenspiel

Stefano Risso: contrabbasso

Daniele Marinelli: basso elettrico

Rate this post

Grazie per la tua condivisione!!!

Copy Protected by Tech Tips's CopyProtect Wordpress Blogs.