Musica Italiana Emergente

Sito d'informazione dedicato al mondo della musica italiana emergente ed indipendente

L’Ep di Bojana Krunic, in arte BOJ: Burning of Joy

È uscito il 1 ottobre 2013 l’Ep di BOJ (al secolo Bojana Krunic), ma noi di MIE abbiamo avuto solo adesso il piacere di ascoltarlo e, conseguentemente, recensirlo.

Ha qualcosa da dire BOJ, vuoi per la storia che si porta sulle spalle (i bombardamenti nella sua città natale: Belgrado; la fuga verso l’Italia), vuoi semplicemente per una spiccata e innata attitudine al canto e per una voce che non lascia certo indifferenti.

L’Ep, registrato, prodotto e arrangiato da Simone Momo Riva presso il TdE Studio di Aosta, contiene 6 tracce, una delle quali (Misunderstanding) è accompagnata da un videoclip promozionale, uscito in concomitanza al disco.

I brani sono tutti ascrivibili alla sfera di influenza del Nu-Soul, con variazioni di stampo Funky e R’n’B, tutti indistintamente carichi di quella forza che nasce dal particolarissimo timbro vocale di BOJ, che in alcune aperture ricorda la grinta e il furore di Amy Winehouse.

Si passa dalle sonorità travolgenti di brani come Don’t judge me e Bouche d’argent, alle atmosfere sornione di Wild party, fino ai brani di punta dell’Ep, come Misunderstanding e La, la, lies.

È un lavoro di facile ascolto: le sei canzoni scivolano via senza intoppi, lasciando all’ascoltatore la sensazione (e la certezza) di aver sentito della buona musica.


 

Gianluca Zanella
Copy Protected by Tech Tips's CopyProtect Wordpress Blogs.
shares